INTERVIEWS

Intervista a Cosma Castiglia e Fabrik Way

Vittorio di Rocco aka VXV DJ on AltroVerso Radio sito WebCiao ragazzi, inizio con il farvi i miei più sinceri complimenti per il vostro ultimo lavoro uscito pochi giorni fa sulla celebre etichetta Tedesca Traum Schallplatten . Però partiamo con calma perché qui ci torneremo in seguito. So che voi due vi conoscete personalmente, raccontateci qualche cosa della vostra vita, di dove siete e come vi siete conosciuti?

Fabrik Way:
Innanzitutto ringraziamo lo staff di Altroverso per il supporto e gli apprezzamenti ricevuti. Noi siamo di Massafra che è un Paese della provincia di Taranto. Ci siamo conosciuti all’incirca 15 anni fa grazie ad un amico in comune. All’epoca avevamo circa 14 anni e mentre Cosma non aveva ancora alcun interesse per la musica, io già mi dilettavo con la console regalatami per natale, mixando i brani dance del momento come Gigi d’Agostino, Magic box, insomma nomi che suscitano nostalgia per la generazione degli anni 90. Poi nel corso della nostra amicizia ci avvicinammo insieme al mondo del rock, poiché ci venne proposto di far parte di una band: io e Cosma fummo catapultati in un mondo a noi sconosciuto, io dovevo cantare e Cosma suonare il basso. Eravamo entrambi incapaci di farlo ma dobbiamo ammettere che con il tempo ci venne abbastanza semplice, confrontandoci con le altre realtà amatoriali come noi. Qualche anno dopo scoprii il lato della produzione nel mondo dei dj, quindi cominciai a creare semplici brani, esplorando software come Fl studio e Reason che utilizzo tutt’ora. Nel frattempo Cosma continuava a sviluppare la conoscenza dello strumento (oltre a farsi crescere i capelli a mò del vecchio e rimpianto Ligabue) e insieme continuavamo comunque a fare musica rock. La folgorazione avvenne nel 2009 quando scoprimmo insieme i Bluvertigo i quali ci aprirono un modo nuovo di concepire l’espressione musicale e quella elettronica miscelata al rock, ci ha portato a creare brani Electro-rock. Da quel momento in poi abbiamo esplorato senza confini, tutte le sfaccettature della musica elettronica e questa ricerca ci ha condotti al punto in cui siamo oggi. Quindi mentre io progredivo nelle produzioni, Cosma cominciò seriamente ad interessarsi alla produzione di musica attraverso i software. Oggi oltre alle singole attività di producer di musica elettronica, abbiamo un gruppo Electro-rock che si chiama CumCordis con cui abbiamo raggiunto bei traguardi, infatti per il 29 dicembre 2015 è prevista l’uscita di Transea che è il brano con cui partecipiamo al remake per i 30 anni di Desaparecido, album dei Litfiba prodotto dai ragazzi del Ghigo renzulli fan collaborative.

Quale è stato per voi il primo approccio con la musica elettronica ?

Fabrik Way:
Mi sono avvicinato alla musica elettronica ascoltando molte produzioni innovative degli ultimi anni, parliamo di label come la Border community, la Traum, Warp da cui grandi suoi influencer furono gli epici Boards of Canada. Ascoltando molte di queste composizioni, riuscii a trovare la mia identità e a creare il mio stile.

Cosma Castiglia:
Io invece mi sono innamorato della musica elettronica grazie ai succitati Bluvertigo, che con le loro sonorità mi hanno fatto comprendere che è possibile esplorare mondi sonori differenti e nuovi. Successivamente son passato ad ascoltare i pioneri dell’elettronica quali Kraftwerk, Tangerine Dream, Klaus Schukze, Brian Eno, compresi i gruppi e i musicisti che ne hanno fatto uso nel pop come Depeche Mode, , David Bowie, Ultravox, Japan. Come Fabrik amo anche l’elettronica moderna come quella di James Holden, Luke Abbott, Margot, Max Cooper.

Immagino stiate sicuramente già lavorando su nuove tracce, potete annunciarci qualche cosa a riguardo ?

Fabrik Way:
Certo, sicuramente per noi è una necessità quasi vitale comporre musica! Io sto lavorando per un’ep che vuole introdurre al concetto dell’uomo moderno, troppo influenzato e dipendente dalle nuove tecnologie. Sono comunque sempre e costantemente alla ricerca di nuove sonorità.

Cosma:
Sto ultimando un progetto che vuol trasmettere le sensazioni suscitate da alcuni luoghi esotici. I paesaggi, i profumi e le tradizioni di quei popoli mi hanno sempre affascinato e vorrei portare l’ascoltatore in quei posti con la propria fantasia. Inoltre un po’ di tempo fa ho ascoltato della musica medievale che mi ha ispirato un modo di comporre che potrebbe essere interessante unendo le sonorità moderne a quelle di quel periodo storico.

Vorrei anche chiedervi cosa ne pensate dell’attuale mondo della musica e del djing in generale ?

Fabrik Way e Cosma Castiglia:
Beh che dire, la musica purtroppo, se parliamo di quella che gira nelle radio è molto peggiorata in quanto si è alla ricerca solo del profitto. La musica non trasmette più valori, idee concrete ma solo stereotipi e nuove mode per creare business, le grandi major non investono sull’originalità e su progetti di artisti talentuosi che richiederebbero più tempo per essere recepiti (i pink floyd oggi non esisterebbero con queste logiche di mercato) ma su un riciclo di artisti che diventano l’icona del momento e poi vengono gettati nell’oblio. Parlando invece della musica indipendente, notiamo anche dalla compilation della Traum in cui abbiamo partecipato che c’è un desiderio di esplorare nuove sonorità, c’è voglia di rimettersi in gioco e fare della buona musica ma sopratutto fare della musica con amore e dedizione, non per trarne solo guadagno.

Infine la mia ultima domanda, che potrebbe interessare molti giovani Producer, raccontateci come è nato il vostro lavoro appena uscito nell’ultimo Tour de Traum, come avete iniziato, perchè proprio la Traum Schallplatten , come ci siete arrivati ?

Fabrik Way:
Allora per quanto mi riguarda, ero alla ricerca di un’etichetta e mi sono imbattuto in una nuova etichetta di un certo Steve Lorenz che pensavo fosse straniero ma poi si è rivelato essere di Treviso. Gli ho proposto del materiale ma mi ha detto che aveva già in programma troppe release, però mi ha incoraggiato dicendomi che quelle produzioni per la loro qualità potevano essere proposte alla Traum. Io mi sono detto: ”Traum? Mi sembra troppo per me“ ma invece la vita regala sempre piacevoli sorprese e quindi ho avuto l’onore di partecipare sia alla decima edizione con la mia traccia,”La Caduta”, che nell’undicesima con “Logos”.

Cosma:
Quando Fabrik mi disse che a Riley Reinhold ( il proprietario della Traum ) piaceva La Caduta e che l’avrebbe voluta inserire nel Tour de Traum X, pensai: ‘Devo riuscirci anch’io!’, anche perché la Traum è una delle etichette più importanti dell’elettronica europea ed è tra le mie preferite. Fu così che dopo un duro lavoro di sperimentazione e ricerca sui suoni proposi ‘Autostrada Intergalattica‘, e ricordo ancora la sua mail di risposta:’ Cool!’, ero entusiasta!
Per cui se sei un producer che ha voglia di emergere e credi di avere talento, lavora sodo e vedrai che se davvero vali troverai di sicuro la tua strada. Vi salutiamo invitandovi ad ascoltare il nuovo Tour de Traum XI perché contiene tracce davvero innovative e perché no, viva la sincerità, perché ci siamo noi!

Link per acquistare le nostre tracce del Tour de Traum XI:
Beatport
Itunes
Whatpeopleplay
Traxsource

cosma castiglia e fabrik way traum intervista son altroverso radio

 

 

 

Personal Link:
Fabrik Way on Facebook
Cosma Castiglia on Facebook

Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.